Il motore della storia è un elemento della scrittura narrativa che ho sempre intuito ma che non avevo mai trovato teorizzato da qualche parte.
Tante volte leggendo un racconto, un romanzo o anche solo un’idea di storia dicevo: “Okay, ma manca il motore.”
Se dall’altra parte capivano, benissimo, altrimenti facevo fatica a spiegare che cosa intendessi.
Come i motori delle macchine, il motore narrativo è quello che fa andare avanti la storia, e anche il lettore. Ma che cos’è in concreto?

Ho finalmente trovato una teoria sul motore della storia leggendo Gli strumenti dello scrittore di Roy Peter Clark.
Il testo di Clark, come si deduce dal titolo, è diviso in strumenti, cinquanta per l’esattezza. Ogni strumento va a riempire la cassetta degli attrezzi che chiunque scriva dovrebbe sempre avere a portata di mano.

Uno di questi strumenti è “Costruite il vostro testo attorno a una domanda chiave“.
Ecco cos’è il motore di una storia: una domanda alla quale il lettore vuole trovare risposta. E questa domanda, se abbastanza efficace, non gli farà posare il libro prima di essere arrivato alla fine.

Chi è stato? È colpevole o innocente? Chi vincerà la gara? L’eroina chi sposerà alla fine? L’eroe riuscirà a fuggire o morirà? Ritroveranno il bambino? Buone domande generano buone storie.

L’autore cita poi Tom French per precisare che il motore è distinto dal tema della storia. Ad esempio in Quarto potere il motore della storia è anticipato nella scena di apertura: chi è o cos’è Rosebud/Rosabella? Ma il tema è molto più ampio e attraverso la figura del protagonista esplora il potere, la politica, l’America.

In una storia, inoltre, possono esserci un motore principale e motori per così dire secondari, che seguono le vicende dei vari personaggi.
E soprattutto bisogna tenere presente che la domanda chiave attorno a cui si sviluppa una storia non deve per forza essere un “chi?” o un “cosa?” ma a volte può essere un “come?”
Pensiamo ad esempio alle storie che anticipano il finale all’inizio e ci fanno chiedere com’è che si è arrivati fino a quel punto. O le storie in cui si sa già che l’eroe non potrà che salvarsi e concludere vittoriosamente la propria missione: sì, ma come?

Per cui quando scrivete una storia, non dimenticatevi mai del motore narrativo e di instillare una domanda in chi vi legge. La curiosità tiene i lettori incollati alla pagina…

[Foto: Hosea Georgeson su Unsplash]

Ti è piaciuto questo post?

A Las Vegas edizioni abbiamo deciso di inaugurare un corso di scrittura creativa: è perfetto per te che vuoi scrivere un romanzo o un racconto ma non sai da che parte cominciare.
Inizia il 1° febbraio 2020, puoi iscriverti fino al 20 gennaio.