Andrea Malabaila

Bambole cattive a Green Park

(Marsilio, 2003)

Un finto sicuro. Un depresso. Un fidanzato fedele. Hanno 18 anni e sono amici. A due giorni dagli orali decidono di disertare la maturità e scappare a Londra. Qui si muovono a tempo di rock tra luci da luna-park e ragazze da copertina. Ed è proprio attraverso l’incontro con tre giovanissime londinesi che la tragedia irrompe nelle loro esistenze.
Una storia bagnata di pioggia e inquietudine, in cui l’impossibilità alla fine vince su tutto, anche sugli anni giovani e ribelli. Impossibilità di comunicare, di dimenticare il passato, di essere sempre coerenti, di scegliere davvero il proprio destino, di vivere…
Una storia elettrica, come Londra e come le ragazze che sfoggiano sicure la maglietta “GOOD GIRLS GO TO HEAVEN, BAD GIRLS GO TO LONDON”, come l’indimenticabile Sally, a metà tra una coccinella e l’eroina dei cartoni Lamù.

Leggilo gratis!
Curiosità
  • La scaletta del romanzo è stata scritta nel marzo 1999.
  • Il titolo durante la lavorazione è cambiato spesso: “Bambole cattive”, “Bambole cattive a Eirias Park”, “Bambole cattive a Green Park”, “Green Park”, “Bambole pericolose a Green Park” e infine di nuovo “Bambole cattive a Green Park”. Sally all’inizio si chiamava Nicole.
  • Il romanzo stava per uscire con Di Salvo (esistono alcune copie non autorizzate), ma negli stessi giorni arrivò un’e-mail da Marsilio.
  • Dal giorno dell’invio del romanzo al giorno della risposta di Marsilio passò un anno e mezzo. Dal giorno della firma del contratto al giorno dell’uscita in libreria, un altro anno e mezzo.
  • Fu inserito nel catalogo delle novità Marsilio con una copertina provvisoria, in cui c’era Lamù (poi eliminata per motivi di copyright).
  • La prima presentazione si tenne alla libreria Fontana di Torino, con Enrico Remmert; fu presentato anche alla Fnac di Milano, con Andrea Carlo Cappi, alla Fiera del Libro di Torino del 2004, con Alessandro Defilippi, e a Cantalupa con Madaski degli Africa Unite.
  • Grazie ai voti degli lettori tra i 15 e i 25 anni ha vinto la seconda edizione del Premio Desenzano Libro Giovani.