Su Mangialibri Gian Paolo Grattarola recensisce Revolver e lo definisce “il dono della sintesi applicato in narrativa”.

Qui.